dunque, siccome che sto sempre su instagram

(cioè, sto offline, ma qualche traccia la lascio laggiù), ricordo che anche chi non lo usa può passare a vedere sul sito web statigr.am, dove si può persino commentare usando un account di facebook. chi vuole, eh.

ci sono anche  feed più agili (sembrano quasi... blog :o) per esempio webstagram.

domenica, 01 dicembre 2013

dieci anni di blog e l'ennesimo concerto di nick cave

(a occhio e croce l'ottavo dall'89) potrebbero/dovrebbero farci riflettere sul tempo che passa, ma qui siamo abbastanza allergici a tali bilanci. 

il blog – di cui sto rivedendo gli archivi per eliminare link obsoleti ecc. – è in standby per motivi sia di rete sia miei: per condividere un link c'è twitter; per una breve notazione di vita quotidiana c'è instagram (e mai che io riesca a integrare bene tutti questi feed); per mettere nero su bianco riflessioni più approfondite non è il momento (se il cervello fosse una batteria, sarebbe in una fase di accumulo senza ridistribuzione). l'archivio però mi serve, l'archivio è essenziale. internet sarà anche bello per scambiarsi istantanee, ma io lo preferisco sempre come biblioteca infinita.

di nick cave già si favoleggiò:

qua (sempre all'alcatraz, 2004)

qua (che poi era il concerto semiacustico di modena – garnant, dove sono i tuoi archivi di splinder? :-))))

e qua (nel frattempo è pure spuntato il video del concerto del 92, che si vede anche Blixa fumare sul palco)

insomma non lo vedevo da otto anni abbondanti e nel frattempo mi è passato qualsiasi snobismo: concerto favoloso. se fossi un tipo più espansivo avrei gridato delle cose al mio adorato barry adamson, che mai avrei pensato di vedere in carne e ossa e invece eccolo lì.

scaletta di milano:

We No Who U R
Jubilee Street
Tupelo
Red Right Hand
Mermaids
The Weeping Song
From Her to Eternity
West Country Girl
God Is in the House
Into My Arms
Love Letter
Higgs Boson Blues
The Mercy Seat
Stagger Lee
Push the Sky Away
We Real Cool
Papa Won't Leave You, Henry
Deanna
Do You Love Me?

venerdì, 11 ottobre 2013

the ocean at the end of my lane

the ocean at the end of the lane by neil gaiman is not an especially well written book, I thought while reading it last summer (maybe I was bothered by some repetitions, I am that way inclined). but, being maybe a little more conventionally, even “commercially” written to my ear than some of his older work,* it made me see what really strikes me in his novels and stories: a unique grace in making imagination meet reality, fishing deep in personal, vivid feelings while using well-loved props and figures from fantastic literature. whether it's in a more carefully crafted or a more script-like writing, nothing like a neil gaiman book makes my mind travel in a new world while feeling so much (and not safely) at home. 

this time, I found a bit of ocean that was quite literally about me. not just the general idea of a childhood spent reading, with obscure fears lurking in the shadows; that would be much too easy. no, it's the specific bit about living in an old house and liking it because it looks like something from the books you read, and climbing in and out of windows because that's what happens in the books you read. that I used to do – and climbing trees had the same appeal in spite of my non-athletic nature – exactly for that reason. I read ocean and it came back to me, the moment in time when I started to value real life things according to my own mind system, picking up not from examples around me, but from a larger cultural universe. that's when my inner life began (and my social life ended, possibily). and that does lead you to think of life and death in a slightly different way, you know.

so happy that garnant wrote this, so I don't have to (Internet reading and commenting is playing with mirrors in a way).

* I thought this also because, just after reading ocean, I picked up the bridge by iain banks (I had been wanting to read him for ages, how typical of me to start doing it after he's gone): the splendidly polished literary prose is there, but I still have to find a hook drawing me inside the story. I hope I will.

 

 

domenica, 29 settembre 2013

nuovo pseudonimo

sabato prossimo accompagno un amico a mettere dei dischi in un posto simpatico.

Flyer_Flyer2

mercoledì, 18 settembre 2013

«You can't grasp your legacy when alive, and it makes no difference in death. What if I leave behind no record? What if I let every day vanish? If I don't archive anything, am I free to change?»
Tavi Gevinson

mercoledì, 10 aprile 2013

the heart and the book

More than ten years ago, at the National Gallery in London, I purchased a mouse mat depicting a fascinating detail from a Flemish painting (I've never seen the actual painting though).

It is still my mouse mat at work, but only today I discovered there is a whole (regularly shaped) book devoted to this subject:

«The notion of the heart as a "book" containing a person's thoughts, feelings, or memories is one of most prominent forms of heart symbolism in the Middle Ages. In romances, lovers' hearts were inscribed with the name or image of their beloved, while saints' legends celebrated martyrs whose hearts received marks of special divine favor. Clergy were instructed to let their inner scribe copy God's commands onto the pages of their hearts, and ordinary believers prayed for Christ to write the memory of his Passion in their "heart books." Artists portrayed authors holding a heart and a pen, and some late-medieval paintings depicted the sitter as a scribe or reader holding a heart-shaped manuscript codex. Medieval artisans even produced actual heart-shaped manuscript books, some of which still survive.»
Eric Jaeger

Heart-shaped book

the Master of the View of Sainte Gudule:

The Metropolitan Museum of Art, New York

The National Gallery, London

 

martedì, 05 marzo 2013

un viaggio a klagenfurt

di uwe johnson, a cura di luigi reitani, SE, milano 1988:  un libro raro? (una ventina di copie in altrettante biblioteche, neanche una copia su ebay, neanche una su maremagnum.)

se lo vedete in giro, fatemi un fischio.

giovedì, 24 gennaio 2013

c'est qu'alors

l'eau de mon regard n'était pas encore obscurcie; depuis, chacun des jours y a jeté sa pincée de cendres.

(michel butor, l'emploi du temps)

lunedì, 09 aprile 2012

dick stone, illustratore

con tutto quello che si può preconizzare di meraviglioso nel regno (per lo più ancora immaginario) del libro elettronico, mi trovo sempre di più ad amare gli esiti felici di un uso dell'immagine stampata fortemente influenzato dai limiti tecnici – insomma i vecchi disegni riprodotti a due colori di cui ormai abbiamo una discreta collezione.

questo è uno dei primi volumi di selezione del libro pubblicati dal reader's digest italiano; riproduce una scelta di condensed books della casa madre con relative illustrazioni, fra cui queste di dick stone (il libro italiano è del 1956, ma le illustrazioni non saranno di molto precedenti, poiché l'edizione integrale del romanzo è del 1955).

CB56-1


CB56-2

  CB56-3

 altre notizie su dick stone sul blog di illustrazioni degli anni 40 e 50 today's inspiration: puntate 1, 2, 3.

venerdì, 06 aprile 2012

where have I been: a survey on recent online life 3

...tutto ciò non significa che non si dia ogni giorno un'occhiata al google reader che annovera vicini di rete antichi e recenti sotto forma di blog.

a questo proposito, devo ancora ringraziare giulia di giardinaggio sentimentale che mi ha attribuito il badge

Liebster1

i destinatari del premio devono:

ringraziare e linkare chi ha assegnato il premio
pubblicare il logo del premio
elencare 5 blog con meno di duecento iscritti
informare i nuovi vincitori con un commento nei loro blog (se non siete pigri come me, cioè)

ora, questa cosa degli iscritti immagino sia una diavoleria di blogspot, ma siccome i miei preferiti per fortuna non sono mai diventati delle star, credo di non sbagliare citando alcuni preferiti che non sono i soliti (voisapetechisiete) con cui chiacchiero spesso online e magari anche dal vivo, ma frequentazioni più occasionali cui peraltro non rinuncio:

filo (filoglotta) vive e lotta non proprio insieme a noi ma al momento in germania, dove insegna eroicamente l'italico idioma. e ce lo racconta con tragica arguzia.

cassandra (la nuova fortezza) vive e lavora a firenze. fa la traduttrice di notte. ho appena scoperto che ha un blog dal 2005.

michelangelo (uova fatali) scrive recensioni di dischi. come dovrebbero essere. con un occhio di riguardo per la new wave (come sempre dovrebbe essere).

susner (la zona) si occupa di (forse anche fa?) arte contemporanea. scatta foto enigmatiche. emana essenziale autorevolezza.

luca (totentanz) polemizza con calda razionalità napoletana da francoforte, e fa foto favolose.

no, così, per chi si chiede che scopo abbia ancora tenere un blog nell'epoca dei social network: resta l'unica formula di sito personale agile e sensata allo stesso tempo.
(e suscettibile di complicità tale da rendere plausibile scambiarsi marchietti con un cuoricino sopra... alla mia età... invece di ambire a record di followers da qualche parte!)
se i suddetti ancora leggono blog, oltre a farne uno, piglino pure il testimone e ce ne dicano almeno 5 che magari abbiamo trascurato.

giovedì, 05 aprile 2012

were have I been: a survey of recent online life 2

I'm actually talking about places I haven't been, this time: I don't have a tumblr account, and while I have a pinterest account, I haven't got round to use it yet.
my problem is that images collections lacking contest and source always feel shallow to me, unless the choice is very strongly edited. I'd say that my only comfort zone for collections of this kind is the marvellous if charlie parker was a gunslinger, there'd be a lot of dead copycats, which is not a tumblr, hasn't even got a cool layout, and yet is as fine a choice of culture-related pictures (photos, screenshots and ephemera) as one can imagine: a pronounced taste (for the witty, the popular, the oblique, and the artistically relevant) and a structure based on ongoing series keep it all together, so that the lack of sources is not a lack at all, but a main feature.
as for me, while I may be prone to spin out endless turns of unrelated and unrelevant photo shots of my own making, I'm not prepared to give out a flow of documental/inspirational images... yet (but the occasional squatting of my instagram account by record covers may be a worrying signal).

[notice: normal blogging in correct italian will be resumed as soon as possible.]